.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

18 luglio 2016

E 'libero regalo stagione nel mercato immobiliare di Londra

E 'libero regalo, la stagione nel mercato immobiliare di Londra

di  Sharon R Smyth
sharonrsmyth
18 luglio 2016 - 06:00 CEST aggiornamento 18 luglio 2016 - 08:58 CEST

Da non perdere - Seguire 
UK Mercato Immobiliare come dimostra Hardy ha seguito il Brexit Voto
il valore delle case di Londra possono calare fino al 10 per cento nel 2017
costruttori edili del Regno Unito offrendo a pagare l'imposta sulle vendite per gli acquirenti

I costruttori edili di Londra stanno offrendo a pagare le tasse di vendita, regalo di 20.000 sterline (26.800) di mobili e la possibilità di vincere un posto auto gratuito voto della Gran Bretagna di lasciare l'Unione europea smorza richiesta.

Brexit danneggia l'economia del Regno Unito e dei valori immobiliari residenziali a Londra potrebbe scendere di oltre il 30 per cento, gli analisti di Societe Generale SA, tra cui Marc Mozzi ha scritto in una nota ai clienti il ​​Lunedi. le vendite nel Regno Unito homebuilder scenderà del 5 per cento, secondo Barclays Plc analista Jon Bell.
Mercato immobiliare della capitale del Regno Unito affronta un eccesso di offerta di appartamenti che i londinesi non può permettersi e un minor numero di proprietari vogliono dopo le modifiche fiscali operate proprietarie di immobili meno attraente. Anche prima del voto, i valori sono stati di fronte a un "grande shock" come padroni di casa offload proprietà dopo aumenti di prelievi e le nuove regole di prestito hanno ridotto i loro rendimenti vicino allo zero, gli analisti di Deutsche Bank AG ha detto una settimana prima del referendum. I prezzi delle case sono scesi dell'1,4 per cento in maggio, il più grande calo mensile in circa cinque anni.
Natalia Kopczynska, un 26-year-old responsabile della conformità, e il suo fidanzato stavano progettando di acquistare un immobile di 500.000 sterline nel quartiere Beckenham prima del voto di lasciare. Hanno messo la decisione in attesa.
'Tanta incertezza'
"Ora abbiamo alcuna idea di ciò che sta per accadere a tassi di interesse, se il paese si sta dirigendo verso la recessione e se e in che misura i prezzi degli immobili stanno per cadere", ha detto in una intervista telefonica. "Non si può prendere una decisione così grande come questo con tanta incertezza nel mix."
Galliard Homes Ltd. sta offrendo uno sconto del 3 per cento per gli occupanti di proprietà e pagherà l'imposta di bollo per buy-to-let investitori, secondo il sito web della società. E 'offrendo anche la possibilità di vincere due parcheggi vale 25.000 sterline a testa per gli acquirenti di una casa di tre camere da letto al suo sviluppo Marine Wharf Oriente a Londra.
Galliard venduto il progetto di un investitore e le case da allora stato effettivamente rivenduti, direttore vendite David Galman detto. Solo due "acquirenti spaventati da Brexit" abbandonato e gli acquirenti sono stati trovati in quanto per tali proprietà, ha detto via e-mail. "E 'la 3 milioni di sterline, più mercato di Londra che è stato più rallentato da Brexit e Galliard ha ben poco l'esposizione a questo mercato."
Barratt Developments Plc sta offrendo pacchetti mobili del valore di 20.000 sterline per i clienti che si impegnano per l'acquisto di un appartamento con una camera a Aldgate luogo vicino alla città del quartiere finanziario di Londra prima della fine del mese. Un appartamento al progetto costa più di 800.000 sterline, secondo il sito web della società.
Ridotta bollo
Il homebuilder offre anche ridotto l'imposta di bollo sulle sue case più costose. "Al punto di prezzo superiore a 1 milione di sterline o 1,5 milioni di sterline, vi accorgerete che non vi è più l'offerta e di conseguenza dal punto di vista delle vendite è più difficile", ha detto l'amministratore delegato David Thomas.
Vendite di nuove case a Londra, dove i prezzi sono circa il 62 per cento al di sopra del picco di 2007 sono in calo dopo l'introduzione di un prelievo plusvalenze per gli acquirenti esteri e maggiori imposte di vendita di domanda smorzata. Gli acquisti sono diminuiti del 33 per cento nel primo trimestre a 5.947, secondo i dati compilati da Molior Londra che è stato visto da Bloomberg News.
I piani sono in cantiere per 35.000 proprietà di fascia alta valore di quasi 77 miliardi di sterline nel prossimo decennio, il 40 per cento in più rispetto al 2014. Come molti di 100.000 servizi finanziari posti di lavoro potrebbero essere persi nel Regno Unito entro il 2020 a causa di Brexit, secondo il una stima da parte della PricewaterhouseCoopers LLP, che ridurrebbe la domanda da parte degli acquirenti e affittuari.
Pre-vendite a compratori asiatici, utilizzati dagli sviluppatori di Londra per contribuire ad aumentare la costruzione finanza, non possono sollevarsi nonostante il calo della sterlina in quanto la votazione.
"Mi aspettavo di vedere doppio soliti numero di persone di alzare" in una struttura fiera di due giorni in mostra le case di Londra a Hong Kong il fine settimana dopo il voto Brexit ", ma sembrava più una mostra normale", ha detto Mimi Capas, testa del marketing progetto internazionale a Knight Frank LLP.
Il numero di immobili in affitto disponibili a Londra è salito del 33 per cento nel mese di giugno rispetto all'anno precedente dopo padroni di casa si precipitò a comprare prima che l'imposta di bollo sulle seconde case è aumentato nel mese di aprile, secondo i dati compilati da Countrywide Plc. L'aumento dell'offerta nel mercato sta rallentando crescita degli affitti, il broker ha detto.
Ciò significa che ora non è il momento per gli investitori a comprare, ha detto Charlie Ellingworth, co-fondatore di broker di proprietà Vision srl, che consiglia gli acquirenti. "Nuovo costruisce sono state inondando il mercato e il numero di affittuari è finito, quindi se le persone lasciano la vostra preoccupazione principale sarà trovare un inquilino."

Si ringrazia Bloomberg il testo originale lo trovate cliccando qui di seguito:  http://www.bloomberg.com/news/articles/2016-07-18/buy-a-london-home-win-a-parking-space-as-developers-seek-buyers

11 luglio 2016

La gentrificazione e Milano

La gentrificazione e Milano


Non è un segreto che Milano  stia cambiando. Oggigiorno, la domenica al parco Sempione , il rumore sordo della musica viene sovrastato dal chiacchiericcio nasale degli immigrati che hanno trasformato i pochi spazi verdi in prati da pinnic. 
Milano purtroppo non è nella lista di città fortunate tanto da  ottenere la propria versione del contenuto di  tecnologica  che sta investendo il mondo, eppure  i costi delle abitazioni e della vita sono saliti  sebbene non siamo un "melting pot di talenti". Al massimo abbiamo quell'appassionato di belle arti, con cui a volte siete costretti a uscire, che sostenga che  "the place to be" sia quell'arte religiosa che  distingue come nazione, credetemi non tutti sono così eccitati da questi gruppi legati a CL.
Fobby, nessuno sa i costi di questa operazione, resta l'immagine della "frutta
" un segno  del fatto  che EXPO ha fruttato molto per i soliti  compagni
 di merenda. Già al posto di Fobby  avrebbero dovuta chiamarla Lobby


In questi giorni la retorica della subcultura composta da giovani immigrati 
 è così diffusa da aver creato dei gruppi "pro-e contro" per cercare di contrastare il pregiudizio ed essere anti-anti è l'ultima novità,  gruppi che  si riversano in alcune zone e le conferiscono lo status di "quartiere alla moda" in effetti alla ricerca di far soldi con poca fatica, mescolandosi  con quella miscellanea che si riversa in città dalla provincia alla ricerca di emozioni forti, la facile avventura e tanto divertimento, alzando gli affitti e cacciando la comunità (in questo caso, prevalentemente Milanese) che vive lì da anni.
A differenza di altre città Milano tiene conto delle sue associazioni per gli inquilini —diritto di inquilino — e rifiuta di arrendersi senza combattere. 
Molti credono che questa tendenza alla gentrificazone sia inarrestabile, ma Milano potrebbe essere tra le prime città ad avere una possibilità di sfidare efficacemente il questo preconcetto. 
La gentrificazione minaccia l' esistenza, ma gli inquilini sanno anche che la loro esistenza incoraggia la gentrificazione.  
Più abusivi ci sono, più la zona diventa attraente agli occhi  della classe media e degli imprenditori inevitabilmente al seguito con la speculazione politico corrotta che opera ormai consolidata. Questione legata al malaffare  che  da tempo sappiamo tutti anche se  parzialmente, progetto endemico contrastato solo da una magistratura, alla quale manca la coerenza dell'interesse superiore inteso come popolo, ed ogni giorno vengono spedite cinque o sei lettere  di sfratto,   anche se i movimenti e i sindacati sono riusciti ad impedirne molti,  
Il padrone di casa   per Milano vede il privato indipendente non raggiungere il 13% e l' 87% è governato dall' ALER e dalle proprietà  legate alla Chiesa le quali forgiano il listino prezzi del comparto immobiliare uso abitazione e,  hanno quasi raddoppiando l'affitto dopo l'entrata dell'Euro, inoltre impediscono la trasparenza amministrativa.  
 "È un conto alla rovescia verso il momento in cui anche gli ultimi Milanesi di reddito medio e basso dovranno andarsene". 
Ecco cosa vuol dire 'gentrificazione' l'affitto è troppo alto nelle case popolari e il sussidio non basta per pagare l'affitto, 
La cosa più importante è che le proteste e il numero di partecipanti sono in continuo aumento. Il problema sta diventando incandescente e il mondo farebbe bene a tenere gli occhi puntati su Milano, perché insieme ad altre città Europee potrebbe fornire la prima soluzione alla gentrificazione che sta diseredando e abbattendo pezzi di storia in tutto il mondo.
Tucidide.

13 maggio 2016

PIAZZA DELLA DIGNITÀ!

PIAZZA DELLA DIGNITÀ!

Casa dolce amara casa!

Il 16 maggio i tre Sindacati del settore Sunia (CGIL),   Sicet (CISL)  e  Uil,  faranno una manifestazione congiunta per contestare il caro affitti i per le  locazione pubbliche.
Ormai a queste manifestazioni partecipano ancora quattro persone,  quelle che credono ancora nei Sindacati e sperano in uno stato di tepore indotto.  
In questi anni i Sindacati casa /inquilini hanno  dovuto operare come fiancheggiatori di un  contesto condizionato dal Sicet vera protesi a sostegno di Comunione e Liberazione e delle sue nefandezze. Un Sindacato già strutturato precedentemente dalla dominanza  storica della Democrazia Cristiana, in una posizione dominante  tanto da forgiare una Classe dirigente che si è considerata   signore e padrone di ALER  e indotto produttivo affrancata dai debiti morali con  l’ausilio e l’appoggio di una parte della  Magistratura  al  supporto di sfratti politici.  
Questo ferendo settori sociali indifesi, ignoranti per la mancanza di trasparenza, per l'abuso di potere attraverso l'uso del Diritto di sussidiarietà e dii una informazione parziale,  trascorsi e presenti compromessi da mafia e corruzione raccomandazioni per  strutture la politica dei vari intrallazzi che hanno coinvolto  anche le singole persone sottoposte ad indegne forzature  psicologiche.

Ancora oggi i Sindacati sono incapaci di elevarsi al rango sociale che meritano per la difesa di quei  diritti cosi tanto enunciati anche nella Costituzione Europea, eppure oltre al mestiere di Sindacalista ci dovrebbe essere la motivazione, la scintilla della umanità!. Oggi il sindacalista pare divenuto solo un mestiere come un altro, di comodo o per poter vivere!
Una situazione politicamente amorfa trasversale tra sindacati, potere politico e marketing delle città.
Abbiamo dovuto e dobbiamo sopportare ancora della incapacità politica già riscontrata in Parlamento nella impossibilita di comparazione dei costi riguardati gli stessi proventi intascati dai politici italiani fatto che ci ha reso ridicoli al resto del mondo evoluto (altro che immagine Italia!),  ora dobbiamo ancora subire la mancanza del necessario studio di comparazione che il settore  subisce,  la stessa deficienza che penalizza la gente e l'assoggetta.
 Se tanto mi da tanto possiamo immaginare che anche questa manifestazione è più un placebo sonnifero sociale che la concreta volontà di cambiare le cose.
In effetti anche se può sembrare assurdo rappresenta il fallimento  economico politico del sistema Italia, che purtroppo  è stato ed è  sostenuto da una magistratura consenziente  abusa del polo e al proprio piacere.
Oltre al fanatismo burocratico, per questo settore l’analisi , anche se in modo semplice la riesce anche a fare il cittadino,  o almeno dovrebbe farla chi per Lui si offre quale sindacato a sua  difesa  e, comprendere che confronto ad altre realtà metropolitane internazionali  a Milano e in Italia i settori produttivi sono sfruttati in modo vergognoso approfittando di  in uno stato di ignoranza imposta e generalizzata, dovuta sia alla scolarizzazione insufficiente che alla mancanza di tempo disponibile.

Certamente le responsabilità molali ed etiche sono da far risalire sia ad ALER che al Comune che anche ai sindacati se pur in parte giustificate, tanto che anche nel contesto sindacale forze come “il sindacato è un’altra cosa, rete 28 aprile, ecc. cercano nuove soluzioni .
La questione oltre alle solite complicanze strategiche burocratiche è semplice, riguardavano un algoritmo oggi quantistico, che contenga  elementi come; comparazione economica, occupazione, welfare, struttura architettonica, ingegneristica sociale, dislocazione, servizi, possibilità di lavoro, scolarizzazione, imprese collegate e loro sviluppo, listino prezzi, analisi bancarie collegate, produzione edile, costi della mano d’opera,  fiscalità, salute, inquinamento, viabilità, diversificazione digitale, tipi di contratto di locazione,  ascensore sociale, impegno sociale individuale, strategie di flessibilità legate alla variabilità del mercato,  evoluzione tecnologica del settore immobiliare, ecc. ecc. Ripetiamo, oggi di fattibile realizzazione quantistica.
Ma l'analisi chi la fa?
Questo evidenzia la mancata progettualità Pubblica,  nell'incapacità di analisi e soluzioni all'altezza dei tempi,  una situazione che penalizza anche il settore privato creando una mercato edile ed immobiliare paralizzato e dopato che sta subendo le conseguenze negative di questa situazione amorfa e del mal affare.
Eppure si sta proseguendo su questa strada,  anche per le  prossime elezioni  del Sindaco di Milano,  ne abbiamo  la conferma con la mancanza di piani strategici dii marketing della città, la mancanza di un analisi approfondita, la mancanza di progettualità futura, il budget, e la trasparenza, il piano d’ingegneria sociale, ecc.
Ci troviamo con dei manager che sono dei furboni e si presentano alle elezioni di Milano facendo finta di essere incapaci di condurre anche una piccolo azienda evoluta e inserita nel contesto concorrenziale internazionale... Oppure lo sono realmente?
Manager obsoleti capaci solo di tramutare le sconfitte tipo l’EXPO in vittorie di propaganda! O altrimenti persone legate alla vecchia e opportunista borghesia che cerca di rallentare il loro declino.
Siamo veramente stufi e indignati da questo stato di cose, e sarebbe ora di finirla con la propaganda per parlare di cose serie o altrimenti dovrebbero aver il buon senso di andarsene poiché le conseguenze delle incapacità  politiche sono giunte alla fine e per coloro che inganneranno ancora il popolo si vedranno giudicati non solo storicamente e moralmente per le loro malefatte ma dovranno rimborsare i danni arrecati …Già se esistesse una Magistratura efficiente! 
Ma si sa che è più semplice colpire l’inquilino moroso che il politico esoso!

Tucidide.

p.s.



La violenza usata contro ii movimenti per la casa  scesi in piazza per le "politiche abitative" a Roma è un conclamato abuso di potere che non potrà essere storicamente dimenticato visto la valenza concomitante con la necessita di una evoluzione sociale impedita con la forza violente dalla politica corrotta.
Qui il campo di ricezione non mancava...
Forse sarebbe bene scollegarsi  da questo operatore
telefonico per non  prendere tante botte e violenze!
Certo è che la storia non la può più raccontare da solo e imporla secondo il suo potere in una logica lui possa fare la storia e raccontarla come vuole!. Non sara sufficiente la legge sull'oblio per dimenticare le violenze imposte!
La storia non è più monopolio del prefetto Tronca commissario prefettizio del comune di Roma ne di editori a lui compiacenti sperando nella non trasparenza delle proprie azioni!  
Il Prefetto se avesse un po di etica morale  rassegnerebbe le proprie dimissioni, ma si sa il posto, il potere, il guadagno,  vale la violenza imposta sul popolo!
Continua l’inganno verso il popolo, eppure esistono (solo a pagamento) forze che difendono ancora questo sistema, forze per le quali la fedeltà viene comperata con gli aumenti di stipendio, favori e privilegi,  forze purtroppo opprimenti perché lontane dalla gente  in una continua competizione interna motivata dai lauti stipendi dei propri dirigenti, in una catena di retribuzioni a decrescere verso il basso del bisogno di lavoro e miglioramento della propria qualità di vita sopra gli altri,  ormai l’unico sistema di sostegno a  questo  esoso e corrotto Stato  La verifica della corrispondenza di questa evidenza è che basta guardare le votazioni per le quali tolti impiagati Statali, suore e preti, obbligati per raccomandazione, voti di scambio, mafia e ndrangheta, lobby, corporazioni dai tassisti agli avvocati e medici, ecc. Di cittadini liberi forse ci siamo "io e te" e dobbiamo anche subire la manipolazione dei mass media!  Quale democrazia è possibile?
Condanniamo fermante aggressione di Stato nella mancanza di rispetto della dignità delle persone che, obbligate a subire  causa la mancanza dii soluzioni Democratiche,   quando esasperati non hanno altra soluzione che manifestare il loro giusto sdegno, vengono ulteriormente violentati da forze pagate con i nostri soldi. Un aggressione amorale e mancante di quella minima etica Democratica al fine d' imporre in modo violento ogni abuso di potere!  

Pubblichiamo alcune scene di violenza riprese alla manifestazione e che sono passate,  Già il telefonino che riesce a superare la censura!

Uno Stato ormai nemico del Popolo!



Scene di violenza ingiustificabili!

Il poliziotto a caccia di Hacker!

Tucidide


5 febbraio 2016

Affitti per le case di proprietà comunale alcuni irrisori a Roma e in tutta l’Italia.

Affitti per le case  di proprietà comunale alcuni  irrisori a Roma e in tutta l’Italia.

I soliti giornalisti  prezzolati sovvenzionati e leader di opinione di alcuni greggi si ergono a sentenza falsando l'informazione, per la questione  affitti irrisori di alcuni alloggi che vengono assegnati a comuni a cittadini da parte dei Comuni.
La "notizia" è molto semplice e indignante se si fa di tutta l’erba un “Fascio” in stile storico., come viene proposta dai mass media. 
La questione alloggi Comunali va analizzata con la premessa della presente e generalizzata  corruzione nei vari comuni ma,  salva alcune posizioni particolari di carattere sociale, culturale, umanitario. Non due facce della stessa moneta ma due monete differenti.
Se ci fosse data la possibilità di una verifica trasparente avremmo la comprensione delle motivazioni per le quali un Comune cede in affitto ad un suo cittadino un appartamento ad un canone agevolato, ma questo non avviene per impedirne l'esempio. (...?)
Purtroppo negli stessi Comuni agiscono forze politiche che impediscono la trasparenza per ragioni dirette al loro guadagno e potere e, cercano di punire  quelle situazioni motivate che danno aiuto verso coloro che politicamente culturalmente o socialmente ne sono meritevoli.
Dietro le quinte,  anche questa volta si possono vedere i Cattolici alla caccia di eretici e poco credenti, poiché è solo la Chiesa che vorrebbe l’esclusiva di aiutare la gente affinché i laici debbano sopperire o adattarsi al volere del clero in nome della Santa Croce! Un struttura “CattoPD” nella logica "aiuto a chi ne ha bisogno o merita a patto che sia servo della Chiesa e sia secondo il volere del Clero! ".  Il risultato ovvio è certo, di più soldi da parte dello Stato assegnati alla bisogna della Chiesa per l’assistenza,  indubbia incontrastata, sicuramente giusta, ed equa, poiché in nome di Dio! (ovviamente non necessaria di trasparenza!).
La politica laica, come in tutti i paesi laici democratici deve avere le sue leve di aiuto e incentivazione di soccorso di assistenza secondo parametri concordati e storici nella contingenza politica, una leva dalla ragione non soggetta a superstizioni integralismo o fanatismi.
La grandezza la magnanimità di una città è basata anche su queste ragioni quando un sistema centrale impone una politica economica cieca, iniqua, emarginate o addirittura escludente,  il sistema culturale locale deve avere la forza, la possibilità, di sostenere anche le voci non gradite alla classe dirigente centrale e far sopravvivere anche pensieri o ragioni diverse.
La casa come diritto alla dignità e per la cultura indipendente.
Basta con apartheid economico sociali!
Gare appalti e lavori sono nostri soldi che vengono spesi da coloro che "dovrebbero" fare i nostri interessi ma questo accade veramente?
Gare appalti e lavori fatti con i nostri soldi sono essenzialmente regolati dal D.lgs n.163/2006 e successive modificazioni e integrazioni. Il quale dice che:
omissis “Per quanto non espressamente previsto nel presente codice, le procedure di affidamento e le altre attività amministrative in materia di contratti pubblici si espletano nel rispetto delle disposizioni sul procedimento amministrativo di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni e integrazioni.”omissis.
-Legge 7 agosto 1990 n.241 all'Art. 3-bis - Uso della telematica scrive:
-“1. Per conseguire maggiore efficienza nella loro attività, le amministrazioni pubbliche incentivano l'uso della telematica*(*n.d.r), nei rapporti interni, tra le diverse amministrazioni e tra queste e i privati.-*n.d.r.(nemmeno dell'informatica).
Un articolo furbetto che fa comprendere, quanto, chi lo ha scritto eviti specificazioni e l'analisi per dare possibilità ad una non trasparenza e pubblicazione. Un articolo che è l'espressione generica di una burocrazia inutile che non da trasparenza e accesso aperto a tutti i possibili interessati sia alle gare che alla trasparenza anche per i cittadini.
Una legge nella quale il legislatore "ignorante ma furbo", non comprendendo nulla d'informatica la delega a altri , lavandosene così le mani e salvandosi da qualsiasi critica.
Infatti il legislatore ha predisposto che avvenga l'informatizzazione tramite l'uso della telematica, ma non comprendendone la semplificazione informatica o fingendo di non comprendere. Pertanto l'applicazione e sviluppo viene delegato a qualche poveretto, il quale, ne dovrebbe attuare la specificità, magari con un diploma da ragioniere o qualcosa in più ottenuto da una scuola che non sa quasi nulla d'informatica.
La furbizia del politico è che se non vuole fare una cosa la delega ad altri, ad un subalterno, questo dovendola realizzare dipende da un capo il quale lo boicotta o ignora, o gli fa realizzare programmi che gestiscono altri programmi, e cosi nulla avviene.
Una legge vecchia, fatta da persone vecchie, che non ne capiscono nulla o fanno finta di non capirne nulla d'informatica, un potere non trasparente ammalato di se stesso.
Siamo nel 2011 e procediamo con leggi da “Bongo Bongo” lente e comode ad un potere delegato ad una assoluta sussidiarietà opportunista.
I cittadini che non masticano informatica, sappiano che per queste e altre procedure informatica, da più di 40 anni esistono analisi e programmi di comparazione e sia nella fase esplorativa che per quella di assegnazione e realizzazione.
Un analisi processata produrrebbe la possibilità di approfondire sia le qualità di intervento che di operato; aprire ad una sicura concorrenzialità anche internazionale, tanto utile ad una comparazione e uno sviluppo delle aziende Italiane.
Analisi certe, provate e trasparenti anche per i cittadini che anche con una cultura elementare nello specifico settore possono accedervi, con milioni di voci analizzate e processate, esposte al pubblico in modo semplice e comprensibile, senza alcun errore o interpretazione, di opportunità personale o di potere.
Invece ci troviamo davanti ad una burocrazia Kafkiana che in nome della falsa trasparenza crea la non comprensibilità e al posto della semplificazione produce programmi inutili che gestiscono altri inutili programmi.
Intanto i nostri soldi si volatizzano e scompaiono mentre questi prezzolati signori posti al nostro governo se ne approfittano sia con stipendi lucrosi esagerati ingiustificati visto anche la loro incapacità e incompetenza.
L'Europa è richiamata a questa attenzione, poiché anche queste leggi violano i principi concorrenzialità e libertà di mercato.
La Destra Europea fa finta di non vedere e appoggia questi conservatori ritardando così ogni sviluppo, presentando il conto delle loro mancanze solo ai cittadini i quali secondo loro dovrebbero pagare e tacere.